50.797.389
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ALLORA E' UFFICIALE: IL GOVERNO PRENDE PER IL C... GLI ITALIANI (AUMENTO IN BUSTA DI 14 EURO-MESE, TASSE +345 EURO-ANNO)

mercoledì 16 ottobre 2013

Milano - Le ricadute della Trise per una famiglia di 3 persone, che vive in un appartamento di 100 metri quadri in un'area urbana, saranno pari a 229 euro per i rifiuti urbani (Tari) e a 116 euro per i servizi indivisibili (Tasi), per un totale di 345 euro annui a famiglia. E' la stima dell'Osservatorio Nazionale Federconsumatori, secondo cui il nuovo tributo è "inaccettabile". 

"Mentre infatti prima diverse famiglie, grazie alle detrazioni sulla prima casa, non pagavano l'Imu - sottolinea l'associazione dei consumatori - ora tutti pagheranno la nuova Trise. Persino gli inquilini , esenti dal pagamento Imu, dovranno versare la Tari e quota della Tasi".

Intanto, si apprende che se fossero confermate le indiscrezioni che stanno circolando in queste ultime ore, la riduzione del cuneo fiscale potrebbe garantire ai lavoratori dipendenti una busta paga più 'pesante' fino a 14 euro netti al mese". E' quanto calcola l'ufficio studi della Cgia. 

"I vantaggi economici più 'tangibili' - si legge nella nota - sarebbero per i dipendenti con un reddito imponibile Irpef che oscilla tra i 15.000 ai 20.000 euro all’anno, che corrisponde ad un stipendio mensile netto compreso tra i 950 e i 1.250 euro". 

Analizzando in dettaglio gli effetti del previsto taglio del cuneo fiscale sui lavoratori dipendenti, la Cgia parte dai "più 'fortunati' con un reddito imponibile Irpef annuo di 15.000 euro, pari ad uno stipendio mensile netto di 971 euro" per i quali "il vantaggio sarebbe di 172 euro all’anno, che si tradurrebbe in 14 euro mensili in più in busta paga".

"Per un dipendente con un reddito annuo di 20.000 euro, equivalente a uno stipendio mensile netto di 1.233 euro, il vantaggio fiscale annuo -continua la Cgia- sarebbe di 151 euro (13 euro al mese). Per i redditi più elevati, sino ad arrivare alla soglia limite dei 55.000 euro, i vantaggi fiscali si dovrebbero progressivamente ridurre fino ad arrivare a importi mensili pressoché inconsistenti".

"Comprendo che il momento è difficile e risorse in cassa ce ne sono poche. Tuttavia -afferma il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi- ritenere che con queste cifre mensili nette si possa dare un po' di serenità alle famiglie è una chimera". 

"Certo, è meglio riceverli anziché doverli pagare, stiamo però parlando di cifre irrisorie che non permetterebbero ad una persona di concedersi neanche una birra e una pizza" conclude Bortolussi. (ANSA-ADNKRONOS)


ALLORA E' UFFICIALE: IL GOVERNO PRENDE PER IL C... GLI ITALIANI (AUMENTO IN BUSTA DI 14 EURO-MESE, TASSE +345 EURO-ANNO)




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ZANONATO: CONTRAFFAZIONE E' UN PARASSITA CHE CHE DIVORA OGNI ANNO 100.000 POSTI DI LAVORO (SENEGALESI PARASSITI, QUINDI)

ZANONATO: CONTRAFFAZIONE E' UN PARASSITA CHE CHE DIVORA OGNI ANNO 100.000 POSTI DI LAVORO
Continua

 
BREVE STORIA DI UN GIORNO DI ORDINARIA FOLLIA ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE. (PRIMA L'ITALIA FALLISCE, PRIMA QUESTO FINIRA')

BREVE STORIA DI UN GIORNO DI ORDINARIA FOLLIA ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE. (PRIMA L'ITALIA FALLISCE,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!