50.672.600
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA COSIDDETTA ''RIDUZIONE DEL CUNEO FISCALE'' E' ASSOLUTAMENTE IRRILEVANTE (CON LE PERCENTUALI CHE LETTA HA ANNUNCIATO)

martedì 8 ottobre 2013

Milano - Guardiamo da vicino la "Riduzione del Cuneo Fiscale" che Letta ha preannunciato per il 2014. Si parla di un taglio del cuneo fiscale il prossimo anno per 4-5 miliardi di euro, somma che includerebbe gli interventi di alleggerimento per le imprese e per i lavoratori. In sintesi 2,0-2,5 miliardi andrebbero alle Imprese, verosimilmente riducendo le aliquote IRAP perlomeno sulla componente costo del Lavoro, e 2,0-2,5 miliardi andrebbero in riduzione IFPEF per Lavoratori Dipendenti, verosimilmente attraverso una rimodulazione delle detrazioni.

Il tutto non si sa bene come verrebbe finanziato, ma ovviamente parte attraverso riduzioni di spesa, parte attraverso tasse (si parla di incremento dell’aliquota IVA di base attualmente al 4%).

Premesso che una riduzione del Cuneo fiscale e’ certamente qualcosa di apprezzabile, vorremo darvi qualche numero e dato per farvi sostanzialmente capire che stiamo parlando di briciole:

1) IL FALLIMENTO DELLA RIDUZIONE DEL CUNEO FISCALE ATTUATA NEL 2007

Pochi sanno che una riduzione del cuneo fiscal di analoga entita’ fu fatta da Prodi nel 2007 con effetti sostanzialmente nulli sull’economia. 

2) PER LE IMPRESE RIDUZIONE DEL COSTO DEL LAVORO DELLO 0,4% CONTRO IL 25% NECESSARIO

Sul fronte Imprese, parliamo di una riduzione del Costo del Lavoro di 2,0-2,5 miliardi, pari allo 0,4% circa del Monte Salari. L’Impatto sul CLUP (Costo del Lavoro per Unita’ di Prodotto) e’ sostanzialmente irrilevante. Ricordiamoci che l’Italia ha accumulato un differenziale di andamento del CLUP dell’ordine del 25% con la Germania in 15 anni: questa misura in sintesi non coprirebbe neanche il 2% del differenziale accumulato, per cui non vi saranno sostanziali ritorni macroeconomici.

3) PER I LAVORATORI UN “CONTENTINO” CHE VERRA’ DIVORATO DA ALTRE TASSE

Sul fronte lavoratori, rammentiamoci che vi sono in Italia circa 18 milioni di Lavoratori Dipendenti, di cui circa 15 milioni nel settore Privato. Se la misura fosse fatta attraverso ritocchi delle detrazioni, verrebbero esclusi dal provvedimento I Lavoratori piu’ benestanti. In pratica, verosimilmente ed a seconda del perimetro di intervento, verrebbero coinvolti circa 12-15 milioni di Lavoratori. La detassazione conseguente dovrebbe essere dell’ordine dei 130-200 euro all’anno, equivalenti a 10-15 euro al mese. Parliamo di incrementi dei salari netti dell’ordine dello 0,5-1,2%. Si badi bene che negli ultimi anni la componente netta della busta paga s’e’ fortemente ridotta, a causa di: inasprimento addizionali IRPEF regionali e comunali, crollo erogazioni straordinari e premi ad incentivo, non rinnovo di moltissimi contratti. Per le tasche dei Lavoratori, questo taglio non riuscirebbe neanche a compensare il recente aumento dell’aliquota IVA al 22%. Se poi, parte di questo taglio fiscale fosse finanziato con altre tasse (c’e’ da scommetterci) l’effetto sarebbe perfino negativo (in linea con gli anni recenti).

COL GOVERNO LETTA PER ORA IL SALDO TASSE-SPESE VEDE PER ORA UNA LEGGERA CRESCITA DI ENTRAMBE

Vi rammentiamo che l’attuale Governo Letta ad oggi non ha ridotto le Tasse, ma anzi vedendo complessivamente I provvedimenti, le ha aumentate.

CONCLUSIONI: UNA SOSTANZIALE PRESA IN GIRO CHE NON CAMBIERA’ LA DINAMICA ECONOMICA NEGATIVA DELL’ITALIA

Ridurre il cuneo fiscale e’ certamente qualcosa di apprezzabile. Il punto e’ che:

a) I numeri in gioco sono sostanzialmente ridicoli e minimi (come visto), e lontani anni luce dalle entita’ necessarie, per cui l’effetto sara’ analogo a quello dello stesso provvedimento nel 2007 (sostanzialmente nullo).

b) Nel 2014 l’Europa tornera’ alla carica col famoso rientro del 3%, per cui sono prevedibili correzioni, che sminuiranno tale provvedimento, e contestualmente incrementi di tassazione in altri settori

c) L’attuale governo, come visto, ha molta propensione ai proclami, ma in questi mesi, complessivamente non s’e’ mosso per niente nella direzione di forti riduzioni fiscali e di tagli alla spesa pubblica

In sintesi, sono tutte balle. La dinamica economica negativa dell’Italia non potra’ certamente mutare da provvedimenti di queste modeste dimensioni.

Autore: GPG Imperatrice per Scenari Economici


LA COSIDDETTA ''RIDUZIONE DEL CUNEO FISCALE'' E' ASSOLUTAMENTE IRRILEVANTE (CON LE PERCENTUALI CHE LETTA HA ANNUNCIATO)




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
STUDIO DELL'UNIVERSITA' CATTOLICA DI MILANO: IL FISCO HA DISTRUTTO LA CAPACITA' DI RISPARMIO (IL REDDITO HA PERSO IL 25%

STUDIO DELL'UNIVERSITA' CATTOLICA DI MILANO: IL FISCO HA DISTRUTTO LA CAPACITA' DI RISPARMIO (IL
Continua

 
IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE LANCIA L'ALLARME SULLE BANCHE ITALIANE: 125 MILIARDI DI BUCO, MOLTE POSSONO FALLIRE.

IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE LANCIA L'ALLARME SULLE BANCHE ITALIANE: 125 MILIARDI DI BUCO,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!