68.220.381
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'EUROPA INTERA CONTRO LA MAGISTRATURA ITALIANA (PROCEDURA DI INFRAZIONE) PERCHE' NON PAGA GLI ERRORI CHE COMMETTE

mercoledì 25 settembre 2013

Bruxelles - Monito di Bruxelles all'Italia per l'eccesso di limitazione posto dalla nostro legislazione alla responsabilità civile dei magistrati che sbagliano. La Commissione Ue ha annunciato oggi, per questo, l'apertura di una procedura d'infrazione contro l'Italia, con riferimento all'applicazione da parte dei magisrtrati italiani del diritto comunitario. 

Lamentando il mancato rispetto da parte del nostro Paese di condanna per la stessa ragione due anni fa, nel 2011, da parte della Corte europea di giustizia. La sentenza è stata salutata con particolare entusiasmo dai big del centrodestra, che la considerano motivo e arma in più per cambiare la legge e sancire una maggiore responsabilità civile delle toghe.

"La procedura d'infrazione aperta dalla Commissione Ue contro l'Italia in tema di responsabilità civile dei magistrati dimostra - ha dichiarato il presidente dei senatori del Pdl, Renato Schifani - che nel nostro Paese, ora più che mai, c'è l'urgenza di regolamentare la materia secondo le indicazioni dell'Europa. Ci auguriamo che l'importante monito europeo sia di stimolo nei confronti della classe politica italiana per l'introduzione di regole che ci pongano in sintonia con le altre democrazie europee in tema di responsabilità civile. Sarà un impegnativo compito, ma se si abbatteranno le barriere e i pregiudizi riusciremo a rendere il rapporto tra cittadini e magistratura più sereno e responsabile".

"C'e' un 'giudice a Berlino', anzi in Europa", ha commentato il presidente del gruppo Pdl alla Camera Renato Brunetta. "La responsabilità civile dei magistrati - ha ammonito- dev'essere legge, come da precisa norma della Ue. In Italia non lo è. E l'Europa intende punirci per questo. Il centrodestra si è battuto per far si' che anche i magistrati siano considerati cittadini uguali agli altri, per lo meno nel pagare i danni quando li provocano. La loro lobby potentissima, sostenuta dalla sinistra con equivoca compiacenza, ha impedito finora che questo principio elementare diventasse regola e prassi". 

E "la multa - ha domandato ancora Brunetta- chi la paghera'? I magistrati? La sinistra? Intanto l'indignazione si mescola alla soddisfazione: c'e' un giudice a Berlino, anzi a Bruxelles. In attesa che si muova quello di Strasburgo contro l'assurda retroattivita' che si vuole applicare al senatore Berlusconi".

"Era ora - si è aggiunto il coordinatore Pdl Sandro Bondi. che l'Europa si accorgesse che qualcosa non va nel funzionamento della giustizia in Italia. Ora che la Commissione dell'Unione europea ha deciso di aprire una procedura d'infrazione contro l'Italia per i limiti posti alla responsabilità civile dei giudici nell'applicazione del diritto europeo, il governo dovrebbe intervenire con urgenza per impedire gli arbitrii commessi dagli stessi magistrati a causa degli errori di interpretazione e di valutazione, che in Italia derivano essenzialmente da pregiudizi e da giudizi di carattere politico e ideologico".

"Per due anni - ha commentato il ministro Maurizio Lupi- non abbiamo rispettato la condanna decretata per lo stesso motivo dalla Corte di giustizia Ue nel novembre 2011. Non solo Forza Italia, ma il presidente della Repubblica ha detto autorevolmente che nel nostro Paese c'è urgenza di affrontare il problema giustizia, invocando più equilibrio da parte di tutti, toghe comprese. La mancata responsabilità per le conseguenze dei loro errori è uno degli aspetti di questa emergenza.

Tutti siamo civilmente responsabili del nostro operato professionale, i magistrati no. Ora anche l'Unione europea ce lo ricorda pesantemente avvisandoci del ‘rischio concreto, questa volta, di dover pagare anche sanzioni pecuniarie'. Come se non bastassero i danni economici che l'azione insistita di alcuni magistrati già sta facendo al sistema economico italiano. Chissà se l'adeguament o alle disposizioni europee di cui tanti si fanno belli verrà anche in questa occasione rivendicato, dando esecuzione a quello che è stato il preciso mandato di un referendum popolare disatteso da venticinque anni". (TMNEWS)


L'EUROPA INTERA CONTRO LA MAGISTRATURA ITALIANA (PROCEDURA DI INFRAZIONE) PERCHE' NON PAGA GLI ERRORI CHE COMMETTE




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NESQUIK GUSTO FRAGOLA! (BEVANDA PER LA COLAZIONE DEI BAMBINI, SOPRATTUTTO) HA UN PICCOLO PROBLEMA: NON CONTIENE FRAGOLE.

NESQUIK GUSTO FRAGOLA! (BEVANDA PER LA COLAZIONE DEI BAMBINI, SOPRATTUTTO) HA UN PICCOLO PROBLEMA:
Continua

 
QUESTA INVENZIONE NON E' MOLTO AMATA DALLE MULTINAZIONALI DEL PETROLIO (AUTO AD ARIA COMPRESSA PRODOTTA IN ITALIA!)

QUESTA INVENZIONE NON E' MOLTO AMATA DALLE MULTINAZIONALI DEL PETROLIO (AUTO AD ARIA COMPRESSA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »