50.024.837
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INTERVISTA / ROBERTO CALDEROLI A TUTTO CAMPO

domenica 21 aprile 2013

ROMA, 21 APR - ''A questo punto non c'era nient'altro da fare davanti a un Parlamento incapace di eleggere un presidente della Repubblica e poi un governo. Il Paese ha bisogno di risposte concrete ed e' impensabile che dopo due mesi manchi un governo. Napolitano e' il primo mattone per costruirlo''. E' quanto afferma il leghista Roberto Calderoli ai microfoni di Tgcom. ''Nel momento in cui il Pd, non era in grado di esprimere alcun candidato, l'unica persona che poteva ricevere i voti di tutto il partito era proprio Napolitano'', aggiunge. ''Io non lo avevo votato quando era stato eletto la prima volta. Conoscendolo poi ho detto che Napolitano e' come l'Amarone, migliora col tempo. Infatti la mia opinione su di lui e' via via migliorata. Sono rimasto sconcertato pero' quando, invece che mandare il Paese al voto, dopo le dimissioni forzate di Berlusconi, ha dato l'incarico a Monti. Fu un errore enorme'', ricorda il parlamentare del Carroccio. ''Uno dei punti per la sua candidatura - prosegue - era quanto aveva proposto durante le consultazioni, ovvero un governo il piu' ampio possibile per affrontare le difficolta' che ogni giorno si stanno aggravando sempre di piu'''.

Sulla formazione del futuro esecutivo, invece aggiunge: ''Nomi non ne sono stati fatti tanti. Rispetto ad Amato abbiamo espresso una pregiudiziale sia come Presidente della Repubblica che come Presidente del Consiglio. Nomi condivisi? Ci vorra' tutta la saggezza e la capacita' di mediazione di Napolitano. Ad ogni modo se non si parlera' di Senato Federale, Macroregione e Federalismo come ipotesi di governo,noi non ci staremo''. Ipotizzando un programma per l'esecutivo basato sulla relazione dei saggi, osserva: ''Se la parte economica e' puntuale e trova la nostra condivisione, su quella istituzionale invece mancano le risposte come nel caso della riforma della legge elettorale, dove i saggi propongono diversi modelli agli antipodi''.

Alla domanda se il M5S si sta imponendo come fece la Lega alla sua prima esperienza parlamentare, Calderoli ha risposto: ''Quello che non condivido nel paragonare la Lega con il grillini e' che noi siamo arrivati come antisistema, ma con un bagaglio di proposte di cambiamento, il M5S e' solo anti e senza obiettivi. Se uno e' contro il sistema, ma poi mi candida come presidente della Repubblica Stefano Rodota', mi sembra evidentemente una cosa un po' strana. Colpo di Stato? In democrazia si vota e Napolitano ha ricevuto il 75% dei consensi, Grillo dovrebbe stare zitto''. Infine un desiderio sul primo provvedimento per il Napolitano bis: ''Mi piacerebbe che imponesse una stagione delle riforme''. (ANSA).


INTERVISTA / ROBERTO CALDEROLI A TUTTO CAMPO




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ELETTO IL FARAONE AL QUIRINALE, SIAMO PUNTO E A CAPO: DUE MESI DAL VOTO E NON C'E' GOVERNO E NON C'E' MAGGIORANZA

ELETTO IL FARAONE AL QUIRINALE, SIAMO PUNTO E A CAPO: DUE MESI DAL VOTO E NON C'E' GOVERNO E NON
Continua

 
NAPOLITANO PENSA AD AMATO. LA GENTE PENSA A SOPRAVVIVERE. LA PARTITOCRAZIA PENSA A OCCUPARE IL POTERE.

NAPOLITANO PENSA AD AMATO. LA GENTE PENSA A SOPRAVVIVERE. LA PARTITOCRAZIA PENSA A OCCUPARE IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!