68.273.600
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

COME VOLEVASI DIMOSTRARE / LA MERKEL: ''NON VEDO NECESSITA' DI CAMBIAMENTI NELLA POLITICA EUROPEA''

lunedì 23 settembre 2013

Berlino - Angela Merkel ha confermato oggi che la Cdu ha gia' avuto contatti con la Spd per "formare un governo stabile" ed ha anticipato che non intende modificare la propria politica europea . "Siamo aperti ai negoziati", ha affermato a Berlino. "La Germania - ha aggiunto - ha bisogno di un governo stabile". Gia' ci sono stati "i primi contatti con i vertici della Spd". Tuttavia il partito socialdemocratico ha detto di voler attendere venerdi' quando si riunira' per esaminare i risultati della consultazione, prima di prendere qualunque decisione. "E' totalmente comprensibile", ha affermato la Merkel. Ad una domanda su un'eventuale alleanza con i Verdi, la cancelliera ha detto che non li esclude per la nascita di una coalizione. "Pero' al momento non vi sono informazioni da dare in questa direzione". La formazione del nuovo governo, ha quindi lasciato intendere, non sara' immediata. "Bisogna discutere delle cose".

In materia di politica europea, Angela Merkel ha chiarito: "non vedo necessita' di cambiamenti". "Dieci anni fa eravamo il malato d'Europa e siamo riusciti a diventare un punto di riferimento di stabilita'". "Cio' che abbiamo raggiunto in Germania possono raggiuntgerlo anche gli altri. Il processo non passa solo attraverso il risparmio ma anche attraverso il raggiungimento di una maggiore competitivita' e fiducia da parte degli investitori"."Abbiamo progredito molto lungo questa strada, ma possiamo andare avanti". Quanto infine al suo stato dopo la grande vittoria, la Merkel ha detto di "essersi alzata molto in forma" anche se "non le sarebbe dispiaciuto dormire un'ora di piu'". (Adnkronos)


COME VOLEVASI DIMOSTRARE / LA MERKEL: ''NON VEDO NECESSITA' DI CAMBIAMENTI NELLA POLITICA EUROPEA''




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
UNA GRANDE SPERANZA S'AGGIRA PER L'EUROPA: CHE VINCA ALTERNATIVA PER LA GERMANIA ALLE ELEZIONI TEDESCHE. E' POSSIBILE!

UNA GRANDE SPERANZA S'AGGIRA PER L'EUROPA: CHE VINCA ALTERNATIVA PER LA GERMANIA ALLE ELEZIONI
Continua

 
LA TROIKA VUOLE SBRANARE QUEL CHE RESTA DELLA GRECIA, MA LO STATO SI E' SFALDATO. SCIOPERI GENERALI, DIMISSIONI. CAOS.

LA TROIKA VUOLE SBRANARE QUEL CHE RESTA DELLA GRECIA, MA LO STATO SI E' SFALDATO. SCIOPERI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »