48.587.472
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PER IL SEL PAPA' E MAMMA NON SI PUO' PIU' DIRE (A VENEZIA) PERCHE' SAREBBE DISCRIMINATORIO PER LE COPPIE GAY CON FIGLI

martedì 3 settembre 2013

Venezia - "La proposta di Camilla Seibezzi, consigliera comunale e delegata del Sindaco ai Diritti civili e contro le discriminazioni del Comune di Venezia e' un fatto di civilta' e di progresso. Sostituire i termini padre e madre con quello di genitore tutela i diritti di tanti genitori omosessuali e dei loro figli".

Lo dichiara Alessandro Zan, deputato veneto di Sel ed esponente del movimento gay. Zan rende, inoltre, noto che presentera' un'interrogazione parlamentare sul caso di Camilla Seibezzi, responsabile di avere avanzato la proposta in questione per la modulistica delle scuole a partire dai nidi, e che, in seguito, e' stata oggetto di aggressioni sul web.

"E' interessante - prosegue il deputato veneto - anche sapere qual e' la posizione del Governo su questo tema. La realta' delle famiglie omogenitoriali e' largamente diffusa. Quello che manca totalmente sono i diritti sia per i figli che per le coppie. Una situazione che crea notevoli problemi in particolare nella difesa dei diritti dei minori. Serve un intervento politico e parlamentare che ponga fine a queste discriminazioni". (Adnkronos) 


PER IL SEL PAPA' E MAMMA NON SI PUO' PIU' DIRE (A VENEZIA) PERCHE' SAREBBE DISCRIMINATORIO PER LE COPPIE GAY CON FIGLI




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL GOVERNO LETTA TAGLIA RISORSE ALLA POLIZIA E I SINDACATI SI RIBELLANO (L'HA FATTO ANCHE LA GRECIA...)

IL GOVERNO LETTA TAGLIA RISORSE ALLA POLIZIA E I SINDACATI SI RIBELLANO (L'HA FATTO ANCHE LA
Continua

 
CONGRESSO LEGA  IL 30 NOVEMBRE E IL 1° DICEMBRE E BOSSI PARE NON SI RICANDIDERA' (STAVOLTA UN VENETO, MA NON TOSI)

CONGRESSO LEGA IL 30 NOVEMBRE E IL 1° DICEMBRE E BOSSI PARE NON SI RICANDIDERA' (STAVOLTA UN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!