47.400.365
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

QUASI SETTE ITALIANI SU DIECI NON SONO ANDATI IN VACANZA NEPPURE PER UN GIORNO. (DISASTRO TURISTICO MA VISTO IN ITALIA)

domenica 25 agosto 2013

Roma - ''Purtroppo, a stagione quasi conclusa, dopo il disastro totale a giugno e quello pessimo di luglio, si confermano le previsioni negative sull'andamento complessivo del turismo nel nostro Paese effettuate dall'Osservatorio Nazionale Federconsumatori. Secondo le nostre indagini a campione, quest'anno, solo il 32% degli italiani e' partito per le tradizionali vacanze estive (di almeno una settimana), ovvero 19,2 milioni di cittadini''.

Ad affermarlo in una nota congiunta sono Adusbef e Federconsumatori. ''La spesa turistica annuale che gia' e' passata da 77,4 miliardi di euro del 2008 ai 72,2 del 2012 si attestera' nel 2013 a soli 70,1 mld con un calo complessivo (compreso il tasso inflazione) del 22,4%''. La maggior parte degli italiani, osservano Adusbef e Federconsumatori, ''ha puntato, in ogni caso, a trascorrere delle vacanze improntate al risparmio. Si consolidano sempre di piu', in tal senso, le nuove modalita' di turismo low cost: alle ormai note vacanze last minute e last second, si affiancano le vacanze 'mordi e fuggi' (il cui il numero dei pernottamenti si riduce a 2-4 notti), la ricerca di ospitalita' presso amici e parenti e lo scambio casa''.

Quest'anno, inoltre, rilevano Adusbef e Federconsumatori, ''si riduce anche il numero di cittadini che decideranno di partire verso fine stagione (settembre-ottobre): l'O.N.F. stima una riduzione del 5-6% rispetto allo scorso anno.Un andamento sul quale pesa, oltre alla drastica riduzione del potere di acquisto, anche l'insopportabile clima di incertezza in cui vivono le famiglie''.

Per questo, rilevano Adusbef e Federconsumatori, ''e' fondamentale che il Governo si decida a sciogliere il nodo relativo a Imu, Iva e Tares: senza risoluzioni rapide in tal senso, i cittadini continueranno a trovarsi nella condizione di non poter programmare consumi e impegni di alcun tipo, con danni irreparabili all'intera economia. A risentire di tale tendenza, intanto, sono state soprattutto le imprese che operano nel settore del turismo, le cui chiusure e fallimenti sono all'ordine del giorno''.

''E' un dovere prioritario del Governo incentivare e valorizzare il settore del turismo, che rappresenta una grande opportunita' di ripresa e crescita per l'intera economia italiana'', affermano Rosario Trefiletti di Federconsumatori ed Elio Lannutti di Adusbef. Le analisi ed i dibattiti in tal senso, concludono, ''sono stati moltissimi in questi anni, ora e' giunto il momento di passare ai fatti ed alle proposte concrete, in particolare per la ripresa degli investimenti destinati alla modernizzazione ed al miglioramento degli standard di qualita' del settore turistico, per permettere all'Italia di tornare ad intercettare la domanda internazionale''. (Adnkronos)


QUASI SETTE ITALIANI SU DIECI NON SONO ANDATI IN VACANZA NEPPURE PER UN GIORNO. (DISASTRO TURISTICO MA VISTO IN ITALIA)




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA MERKEL: NIENTE PIU' AIUTI ALLA GRECIA! SCHEAUBLE: INVECE UN TERZO PACCHETTO E' MOLTO PROBABILE. (CERTO IL FALLIMENTO)

LA MERKEL: NIENTE PIU' AIUTI ALLA GRECIA! SCHEAUBLE: INVECE UN TERZO PACCHETTO E' MOLTO PROBABILE.
Continua

 
EPIFANI: VOTEREMO SI' ALLA DECADENZA DI BERLUSCONI (E DI LETTA DA PALAZZO CHIGI)

EPIFANI: VOTEREMO SI' ALLA DECADENZA DI BERLUSCONI (E DI LETTA DA PALAZZO CHIGI)


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!