50.690.975
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

IL MINISTRO DEL LAVORO: SU IVA E IMU NON C'E' NESSUNA PROMESSA DI TAGLI (ABBIAMO SCHERZATO, ITALIANI CREDULONI...)

martedì 6 agosto 2013

ROMA - A dispetto del PdL, il governo non può fare alcuna promessa né sull'Iva nè sull'Imu. Lo ha detto senza mezzi termini. Lo ha detto, ospite a RadioAnch'io su Radio1 Rai, il ministro del Lavoro Enrico Giovannini rispondendo alla domanda se l'esecutivo sia in grado in questo momento di rassicurare i cittadini italiani sulla cancellazione dell'Imu sulla prima casa e sulla capacità di evitare l'aumento dell'Iva.

"Su Iva e Imu non si possono fare promesse di nessun tipo senza prima essere assolutamente sicuri di poterle onorare. Nel menù delle misure del governo ci sono Iva, Imu, riduzione del cuneo fiscale, possibili incentivi per gli investimenti; è un menù estremamente ampio e bisogna trovare il giusto bilanciamento: certamente non ci sono i soldi per fare tutto, i tecnici stanno lavorando, sta lavorando la cabina di regia con gli esponenti dei partiti". 

"Il momento in cui si fanno queste scelte è la legge di stabilità: non è vero - ha continuato Giovannini - che stiamo rinviando ma non possiamo continuare a invocare ogni giorno scelte urgenti o a chiedere promesse che poi si affiancano ogni giorno a nuove scelte altrettanto urgenti". (WSI)


IL MINISTRO DEL LAVORO: SU IVA E IMU NON C'E' NESSUNA PROMESSA DI TAGLI (ABBIAMO SCHERZATO, ITALIANI CREDULONI...)




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
UNICA VIA: LASCIAR FALLIRE LE BANCHE DISSESTATE, RISTRUTTURARE I TITOLI DI STATO E LASCIARE L'EURO (ANALISTI SVIZZERI)

UNICA VIA: LASCIAR FALLIRE LE BANCHE DISSESTATE, RISTRUTTURARE I TITOLI DI STATO E LASCIARE L'EURO
Continua

 
IL DEBITO PUBBLICO AL 132,9% DEL PIL CHE E' CROLLATO A -2,4%. DEBITO A 2075 MILIARDI. A FINE ANNO CAPOLINEA: DEFAULT

IL DEBITO PUBBLICO AL 132,9% DEL PIL CHE E' CROLLATO A -2,4%. DEBITO A 2075 MILIARDI. A FINE ANNO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!