67.654.051
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA GRANDE BOLLA - ATOMICA - PRONTA AD ESPLODERE: AZIONI, OBBLIGAZIONI, BOND. NULLA SI SALVERA' DALL'APOCALISSE IN ARRIVO

mercoledì 17 aprile 2013

 

Le banche centrali stanno sostenendo i prezzi degli asset a tal punto che ormai "i livelli sono praticamente artificiali, praticamente in tutti i mercati". Parola di Mohamed El-Erian, amministratore delegato di Pimco, che ha rilasciato un'intervista al Wall Street Journal. "Affinché raggiungano il loro obiettivo ultimo - ovvero la crescita economica e la creazione dell'occupazione - le banche centrali dovranno portare gli investitori ad assumere una quantità di rischi maggiore di quella che è giustificata", ha avvertito. Il risultato sarà che, "nel caso in cui tali livelli (a cui viaggiano i mercati) non dovessero essere avallati dai fondamentali dell'economia, gli investitori si faranno molto male".

Quello che il più importante quotidiano economico mondiale non scrive, è che l'altra faccia della medaglia di valori azionari e obbligazionari molto oltre la realtà che dovrebbero invece rappresentare, consiste nel fatto che solo parlando d'Europa, ci sono più di 20 milioni di europei senza lavoro o con un lavoro così precario da impedire ogni tipo di progetto di vita, a parte sopravvivere. A cui si aggiungono non meno di 100 milioni di pensionati da mantenere. 

Questi dati assomigliano maledettamente a quelli del 1929 negli Stati Uniti, l'anno in cui crollò la Borsa e iniziò quella che passerà alla storia come la Grande Depressione.

In Europa, la Grande depressione produsse due frutti velenosissimi: il fascismo e il nazismo. Ad Est, uno altrettanto velenoso si radicherà prodondamente e ci vorranno più di 70 anni per sradicarlo: il comunismo.

Questa, è la realtà.

max parisi

 

 


LA GRANDE BOLLA - ATOMICA - PRONTA AD ESPLODERE: AZIONI, OBBLIGAZIONI, BOND. NULLA SI SALVERA' DALL'APOCALISSE IN ARRIVO




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GERMANIA VUOLE RAPINARE I RISPARMIATORI D'EUROPA! MA NOI DEL NORD ABBIAMO LA RICETTA PER IMPEDIRLO

LA GERMANIA VUOLE RAPINARE I RISPARMIATORI D'EUROPA! MA NOI DEL NORD ABBIAMO LA RICETTA PER
Continua

 
I MAGHI OTELMA DELLA UE PREVEDONO CHE IL DEBITO PUBBLICO ITALIANO SCENDERA' (NEL 2017, CAMPA CAVALLO)

I MAGHI OTELMA DELLA UE PREVEDONO CHE IL DEBITO PUBBLICO ITALIANO SCENDERA' (NEL 2017, CAMPA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »