68.642.102
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

OCSE: PIU' DI UN GIOVANE SU DUE IN ITALIA HA UN LAVORO PRECARIO. E LA RECESSIONE CONTINUERA'. (ARRIVA PRIMA IL DEFAULT)

martedì 16 luglio 2013

Roma - Oltre un giovane su due in Italia ha un lavoro precario. E' quanto si legge nel rapporto Ocse sull'occupazione, relativo al 2012. In particolare, i giovani tra i 15 e i 24 anni che hanno un lavoro precario sono il 52,9%. Erano, nel 2011, il 49,9% e nel 2012 il 42,3%. Nel 2000, la percentuale era molto piu' bassa e cioe' il 26,2%. Nel rapporto si evince anche che in Italia, nel 2012, la quota complessiva di chi ha un lavoro precario e' del 13,8% e che la quota delle donne e' del 48,4%. 

L'Italia rimane intrappolata nella recessione ed e' probabile che la disoccupazione continui ad aumentare restando a livelli superiori alla media europea. Lo scrive ancora  l'Ocse nel rapporto 'Employment Outlook 2013'.

L'organizzazione ricorda come in base alle ultime previsioni maggio scorso, "la recessione continuera' per tutto il 2013 e l'economia italiana e' attesa in leggera ripresa solo nel 2014".

Commentando le prospettive aperte dalla riforma Fornero del 2012, l'Ocse scrive che "ci si puo' aspettare che, avendo limitato i casi di licenziamento senza giustificato motivo in cui il reintegro nel posto di lavoro puo' essere ordinato dal giudice e reso le procedure di soluzione dei conflitti piu' veloci e previsibili, la riforma dia un impulso alla crescita della produttivita' e alla creazione di lavoro nel prossimo futuro".

"Ciononostante - continua il rapporto - l'Italia rimane uno dei paesi OCSE con la legislazione piu' restrittiva sui licenziamenti, in particolare per quello che riguarda la compensazione in assenza di reintegro e la definizione restrittiva di licenziamento ingiustificato che domina nella giurisprudenza". (Adnkronos)


OCSE: PIU' DI UN GIOVANE SU DUE IN ITALIA HA UN LAVORO PRECARIO. E LA RECESSIONE CONTINUERA'. (ARRIVA PRIMA IL DEFAULT)




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'INPS IN ROSSO DI NOVE MILIARDI! COLPA DELLE PENSIONI DEGLI IMPIEGATI PUBBLICI (LO STATO NON HA VERSATO CONTRIBUTI)

L'INPS IN ROSSO DI NOVE MILIARDI! COLPA DELLE PENSIONI DEGLI IMPIEGATI PUBBLICI (LO STATO NON HA
Continua

 
ENRICO LETTA FA SAPERE CHE CON MARONI NON E' RIENTRATO NIENTE: E' ''CORREO DELL'INSULTO ALLA KYENGE''

ENRICO LETTA FA SAPERE CHE CON MARONI NON E' RIENTRATO NIENTE: E' ''CORREO DELL'INSULTO ALLA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SONDAGGIO GERMANIA: CALA LA CDU, TRACOLLA L'SPD, BENE AFD E VERDI

20 maggio - BERLINO - flessione, di un punto percentuale rispetto alla scorsa
Continua

PROCESSO AI GENITORI DI MATTEO RENZI PER FATTURE FALSE

20 maggio - FIRENZE - E' ripreso stamani a Firenze il processo per fatture false che
Continua

CREMLINO: NON SAPPIAMO CHI SIA QUESTA SIGNORA SE E' RUSSA O MENO

20 maggio - MOSCA - ''E' una storia che non ha a che fare con noi e non puo' avere a
Continua

SALVINI: ''FOSSE DIPESO DA ME, NON AVREI AUTORIZZATO ALCUN TIPO DI

20 maggio - ''Ho visto che adesso il comandante'' della Sea Watch ''e' indagato per
Continua

SALVINI: ''MAGISTRATURA VUOLE IMPORRE LA SUA LEGGE... RIDOTTI DEL

20 maggio - ROMA - ''Se la magistratura vuole imporre la sua legge ne prendiamo
Continua

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua
Precedenti »